Strumenti personali

Eventi

  • 5 per mille

    1 gennaio 2018



    Codice Fiscale FONDAZIONE DELLA RSI - ISTITUTO STORICO

    CF:91229450373

    Sul sito dell'agenzia delle entrate è disponibile l'elenco 2017 degli enti fruitori del 5 per mille.


  • Riunione Culturale

    25 novembre 2018

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Carlo e Giorgio Viale
    La difesa di Genova 1943-45, seconda parte
  • Riunione Culturale

    24 febbraio 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Daniele Trabucco
    La RSI nel contesto internazionale
  • Assemblea dei Soci Aderenti

    14 aprile 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Alessandro Brignole
    Attentati Gappisti a Milano

Vito Casalinuovo

Da FondazioneRSI.

Vito Casalinuovo nasce a San Vito sull’Ionio (CZ) il 21 febbraio 1898 da famiglia di agricoltori, ultimo di sette fratelli. Completato il Liceo Classico a San Vito, è Volontario della Prima Guerra Mondiale in Trentino nel 14. Raggruppamento Artiglieria d’Assalto. Viene congedato con una invalidità alla mano destra. Nel 1920 è Sottotenente e nell’Esercito raggiungerà il grado di Maggiore. Nel 1924 perde il padre, omonimo di nome, Conciliatore e Sindaco del Comune di San Vito.

Il 13 luglio 1921 si iscrive al PNF ed è “Sciarpa Littorio”. L’1 febbraio 1923 si arruola nella MVSN e nel 1927 fa parte di un Reparto Speciale di scorta al Capo del Governo. Quando a Roma l’11 giugno 1931 sposa Maria Clara Alessandroni, nata a Rimini il15 luglio 1906 (non avrà figli), è in Servizio permanente effettivo nella MVSN e Comandante delle Coorte Autonoma di Oristano.

Volontario in AOI con la 3. Divisione CC. NN. “21 Aprile” e in Spagna con il Corpo Truppe Volontarie, dal 24 maggio 1939 al 15 agosto 1941 comanda a Rodi la 221. Legione Egea “Conte Verde” con il grado di Console. Dall’1 ottobre 1941 è responsabile del Q.G. del Comando Generale MVSN ed è mobilitato nello S.M. dell’Esercito per incarichi speciali.

Dopo la liberazione di Mussolini dal Gran Sasso e il suo rientro dalla Germania, lascia per il Nord la sua residenza romana presso ponte Milvio e dal 24 novembre 1943 è uno degli otto Giudici effettivi del Tribunale Speciale Straordinario che a Verona il 10 gennaio 1944 emette la sentenza di condanna a morte per diciotto Componenti del Gran Consiglio del Fascismo (cinque eseguite).

Dopo la nomina del 3 settembre 1944 ad Ufficiale d’Ordinanza del Duce, con la moglie è ospite dei proprietari di Villa Fontana, a Gargnano (BS), luogo che lascia il 19 aprile 1945 con una precaria sistemazione nell’appartamento milanese della famiglia Petacci, in Corso Littorio 22.

La sera del 25 aprile 1945, seguendo Mussolini come è suo compito militare, lascia la Prefettura di Corso Monforte ed è nella colonna in ritirata verso la Valtellina bloccata a Musso (CO). Il 28 aprile, in uniforme, è tra gli assassinati a Dongo (CO) e l’indomani tra gli appesi a Milano, in Piazzale Loreto (il cartellino sulla salma indica il nome Gelormini).

La moglie resta a Milano ospitata in un Convento di Suore e il 7 maggio 1945 porta i primi fiordalisi sulla provvisoria tomba al Musocco. La traslazione ha data 15 ottobre 1947, presente il nipote Saverio De Luca e avviene a mezzo ferrovia con accompagnamento della moglie, ma il vagone merci viene deviato lungo l’adriatica per evitare annunciati omaggi a Roma. La salma, che viene accolta a San Vito da un gran folla di paesani e anche da Commilitoni, giace nella Cappella di famiglia, raggiunta il 17 luglio 1980 da quella della vedova Maria Clara.

Nicola Sinopoli (figlio di Maria Teresa, la maggiore delle quattro sorelle), reduce di Russia rimasto in Calabria dopo l’8 settembre 1943 e dipendente EIAR-RAI dal 1940 al 1986, ha scritto due preziosi opuscoli sullo zio Vito: nel 1992, VITO CASALINUOVO E IL DIARIO DI CLARA e nel 1995, VITO CASALINUOVO-CINQUANTESIMO ANNIVERSARIO.