Strumenti personali

Eventi

  • 5 per mille

    1 gennaio 2019



    Codice Fiscale FONDAZIONE DELLA RSI - ISTITUTO STORICO

    CF:91229450373

    Sul sito dell'agenzia delle entrate è disponibile l'elenco 2018 degli enti fruitori del 5 per mille.
  • Riunione Culturale

    23 febbraio 2020

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Gianfranco Stella

    Compagno Mitra
  • Riunione Culturale

    21 giugno 2020

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Enrico Persiani

    Giovanni Gentile - 3

    Pietro Cappellari

    I GAP a Roma
  • Riunione Culturale

    13 settembre 2020

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Ernesto Zucconi

    Torino e la RSI

    Mauro Franciolini

    I GAP a Firenze
  • Riunione Culturale (RINVIATA/DPCM)

    22 novembre 2020

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Paolo Ciuffoni Stanghini

    Il I Gruppo Caccia ANR
  • Riunione Culturale

    21 febbraio 2021

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Luca Bonanno

    Ather Capelli
  • Assemblea dei Soci Aderenti

    18 aprile 2021

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

  • Riunione Culturale

    27 giugno 2021

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Enrico Persiani

    Giovanni Gentile - 4
  • Riunione Culturale

    12 settembre 2021

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia,

    Maurizio Ravaglia

    Resistenza Bugiarda

    Dario Castagnoli

    I GAP a Bologna

Ruggero Bonomi

Da FondazioneRSI.

Ruggero Bonomi, nasce a Lugo (RA) il 23 settembre 1898. Dopo i primi studi è attratto dalla carriera navale. Imbarcato su un Cacciatorpediniere quale Allievo dei Corsi dell'Accademia Navale di Livorno, partecipa alla 1.Guerra Mondiale. In Accademia ottiene il brevetto di pilota delle Forze Aeree della Marina. Costituitasi nel 1923 l'Aeronautica militare, vi passa con il grado di Tenente comandante di Squadriglia. Promosso Capitano e scelto da Francesco De Pinedo come Aiutante di volo, partecipa alle crociere del Mediterraneo occidentale eseguite da 60 idrovolanti. Poi è apprezzato pilota nelle prime manifestazioni dell'impiego in massa dell'aviazione organizzate da Italo Balbo nel Mediterraneo orientale e nel Mar Nero.

Maggiore a scelta, viene assegnato al comando del Gruppo Idrovolanti di Augusta (SR). Promosso Tenente Colonnello comanda il Gruppo Idrosiluranti a La Spezia-Cadimare e poi il 31.Stormo da combattimento marittimo ad Orbetello (GR).

In AOI è imbarcato quale Ufficiale di Stato Maggiore dell'Armata Navale. Prima che inizi la guerra di Spagna vola a Melilla, nel Marocco Spagnolo. per fondare con Francisco Franco l'Aviazione del Tercio, poi Aviazione Legionaria. Viene insignito di decorazioni spagnole e promosso Colonnello per merito.

Durante la 2.Guerra Mondiale con il grado di Generale di Brigata Aerea è Vice Comandante, sotto Rino Fourgier, del Corpo Aereo Italiano operante in Belgio da ottobre 1940 ad aprile 1941 per attacchi oltre Manica, Londra esclusa, con 80 aerei da bombardamento e con il 56. Stormo Caccia Intercettori. In A.S. comanda il Settore Ovest. Poi assume il Comando Superiore dell'Aviazione per la Marina.

E' tra i primi Generali ad aderire alla RSI e il 27 novembre 1944 in una consolidata collaborazione italotedesca, prende il posto del dimissionario Sottosegretario della Aeronautica Nazionale Repubblicana Manlio Molfese.

Con il Segretario particolare Gatti organizza il volo S. 79 del 22 aprile 1945 con insegne croate, da Ghedi (BS) per la Spagna, volo rifiutato da Mussolini. Insieme a Graziani e all'Aiutante di Campo Rosario Sorrentino da Cernobbio CO) è tradotto a Milano e pernotta due volte in albergo, all'Hotel Regina ancora presidiato dai tedeschi, e all'Hotel Milano, occupato dalla Missione OSS diretta da Biagio Max Corvo. All'Hotel Milano il 28 aprile alle 19 sono condotti dal comasco anche Angelo Tarchi, dal quale l'indomani un Tenente della 5.Armata ottiene indicazioni per rintracciare al Ministero Affari Esteri della RSI il protocollo di Fasano sulle “prede belliche”e Guido Buffarini Guidi, subito abbandonato dagli americani nelle mani del CLN. per una scontata condanna.

Dopo aver trascorso le ore centrali del 29 aprile nel carcere di San Vittore in mano ai rivoltosi, alle 17 in auto viene portato a Ghedi con Graziani e Sorrentino e passa in prigionia del US IV Corps a Castiglione delle Stiviere (MN).