Strumenti personali

Eventi

  • 5 per mille

    1 gennaio 2018



    Codice Fiscale FONDAZIONE DELLA RSI - ISTITUTO STORICO

    CF:91229450373

    Sul sito dell'agenzia delle entrate è disponibile l'elenco 2017 degli enti fruitori del 5 per mille.


  • Riunione Culturale

    25 novembre 2018

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Carlo e Giorgio Viale
    La difesa di Genova 1943-45, seconda parte
  • Riunione Culturale

    24 febbraio 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Daniele Trabucco
    La RSI nel contesto internazionale
  • Assemblea dei Soci Aderenti

    14 aprile 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Alessandro Brignole
    Attentati Gappisti a Milano

Pietro Calistri

Da FondazioneRSI.

Pietro Calistri, nasce a Verona il 30 ottobre 1914. Il padre, Ufficiale in spe, è originario da San Martino al Cimino di Viterbo. Consegue la maturità classica ad Udine nell’anno scolastico 1935-36 e il 9 agosto 1941 sposa a Firenze Gabriella Scrivere. Avrà due figli: Marco e Maria Cristina.

Soldato di leva del Distretto di Trieste e in congedo dal 23 giugno 1934, è ammesso il 5 settembre 1935 nell’Arma Aeronautica quale Allievo Ufficiale e il 9 marzo 1936 ottiene il brevetto di pilota e il 25 luglio 1936 quello di pilota militare su Caccia C. R. 20.

Sottotenente Ruolo Naviganti dall’11 agosto 1936 presso il 1.Stormo Caccia a Campoformido (UD), dal 28 maggio 1937 combatte in Spagna con la 32.Squadriglia del VI Gruppo Caccia, Squadriglia comandata da Ernesto Botto, il leggendario “gamba di ferro”. Al rientro dalla Spagna, il 9 giugno 1938 è Sottotenente in Servizio permanente effettivo per merito di guerra ed è promosso Tenente il 31 marzo 1939.

Trasferito con l’inizio della guerra al XXI e poi al XXIII Gruppo Autonomo Caccia, dal 15 dicembre 1940 al 6 febbraio 1941 in zona di operazioni (Mar Mediterraneo centrale e orientale e Africa Settentrionale) comanda la 75. Squadriglia, meritando due Medaglie d’Argento. Capitano dal 6 febbraio 1941, sempre con il XXIII Gruppo del 54.Stormo Caccia, opera dalle basi siciliane di Trapani, Comiso e Pantelleria e viene insignito di Medaglia di Bronzo sul campo.

Cessa l’attività bellica il 17 luglio 1943. Dopo aver aderito all’Aeronautica Repubblicana appartiene al I Gruppo Caccia e comanda fino al 10 febbraio 1944 la 3.Squadriglia “Ocarso”, che lascia per motivi malattia. Quando, agli ordini di Adriano Visconti, il I Gruppo Caccia è nella sua ultima base, a Gallarate (VA), il superiore Comando Caccia di Custoza (VR) lo destina, quale Controllore Guida-Caccia, alla postazione radar della Luftwaffe di Senago (MI).

Il 26 aprile 1945 segue il personale tedesco, dipendente dal IV / 200. Reggimento SSSA -Servizio Scoperta Segnalazioni Aerei - che, distrutti i radar, da Senago (MI) ripiega con "bandiera bianca" sul primo degli automezzi, via Como, diretto in Valtellina con meta l’Alto Adige.

L’autocolonna Luftwaffe, a Menaggio (CO), si unisce e va in testa a quella che comprende Mussolini. I quattro tedeschi che in auto guidano la ritirata, in difficoltà dopo Musso (CO) e privi di senso combattivo, scambiano un lasciapassare del locale CLN con l’abbandono degli italiani. Dopo insistenze dell’SS-Ustuf Fritz Birzer lasciano proseguire come loro soldato segnalatore il solo Mussolini, che a Dongo (CO) fanno catturare nel rispetto del vile accordo. Ma, scomodi testimoni, sono uccisi a Morbegno (SO) e solo Birzer, l’addetto alla sicurezza di Mussolini, può rifugiarsi nella vicina Svizzera con altri 150 militari tedeschi.

E’ tra i quindici assassinati al muretto del Lungolago di Dongo, perché ritenuto “il pilota del Duce”, che invece è Virgilio Pallottelli (anch’egli tra i 22 concentrati nel Municipio di Dongo).Nel dopoguerra la morte viene riconosciuta dipendente da causa di servizio di guerra. Giace a San Martino al Cimino.