Strumenti personali

Eventi

  • 5 per mille

    1 gennaio 2018



    Codice Fiscale FONDAZIONE DELLA RSI - ISTITUTO STORICO

    CF:91229450373

    Sul sito dell'agenzia delle entrate è disponibile l'elenco 2017 degli enti fruitori del 5 per mille.


  • Riunione Culturale

    24 giugno 2018

    Via Cicogna, 66, 52028 Terranuova Bracciolini AR, Italia

    Enrico Persiani
    Giovanni Gentile
  • Riunione Culturale

    9 settembre 2018

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Alessandro Maria Raffone
    Il Fascismo clandestino nell'Italia meridionale
  • Riunione Culturale

    25 novembre 2018

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Carlo e Giorgio Viale
    La difesa di Genova 1943-45, seconda parte
  • Riunione Culturale

    24 febbraio 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Daniele Trabucco
    La Legislazione della RSI
  • Assemblea dei Soci Aderenti

    14 aprile 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

Mario Nudi

Da FondazioneRSI.

Mario Nudi nasce il 17 luglio 1912 a Roma. Combatte in AOI e nel 1940 diviene S.Capo Manipolo MVSN e Moschettiere del Duce, ammesso nell'extra organico. I Moschettieri del Duce, scelti dall'11 febbraio 1923 tra gli Ufficiali in congedo, purchè non MVSN, con attività civile da professionista o da dipendente dello Stato, nel 1937 erano 180 e dal 1936 avevano il Comando presso sede romana della MVSN, nella caserma "Mussolini" di Viale Romania.

Lavora nella Confederazione Fascista dei Lavoratori dell’Agricoltura che segue al Nord e che ha quale Commissario ministeriale Aldo Buffa e la cui Unione dei Lavoratori di Milano pubblica il quindicinale L’ARATRO, con direttore Gino Sequi. In RSI detta Confederazione assieme a quella degli Agricoltori e con le Confederazioni dei Lavoratori dell’Industria, degli Industriali e dei Professionisti e degli Artisti e dei Settori del Commercio e del Credito, con il Decreto Legislativo 20 dicembre 1943-XXII n. 853, fa parte della Confederazione Generale del Lavoro, della Tecnica e delle Arti “la quale, a norma della Legge 3 aprile 1926 n. 563, viene giuridicamente riconosciuta” (art. 2). Invece i Sindacati del dopoguerra non hanno, né vogliono, la personalità giuridica. “Nel suo funzionamento la CGLTA agisce con piena autonomia. Il controllo politico sulla organizzazione è devoluto al Ministro Segretario del PFR; il controllo amministrativo e tecnico è devoluto al Ministro dell’Economia Corporativa” (art. 6). Il lavoro nell’agricoltura e nelle piccole aziende (punto 13 e punto 14) è il meno trasformato dalla nuova disciplina dell’economia propugnata dai 18 punti del “Manifesto di Verona” del 14 novembre 1943.

E’ Capitano dell’8. B.N."Resega" di Milano. Dal 28 ottobre 1944 viene trasferito alla Polizia Repubblicana per avvicendare il Questore Emilio Bigazzi Capanni, già Console MVSN e che dal 27 dicembre 1943 aveva sostituito il Commissario Antonio Mancuso. A questi funzionari competeva il Comando della scorta della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con sede a Gargnano (BS) e campo d’azione da Bogliaco a Gardone, lungo la riva bresciana del Lago di Garda. A disposizione del Comando erano i Marescialli Angelo Assi e Giuseppe Cesarotti, ambedue fidati autisti di Mussolini, ma dileguatisi il 26 aprile 1945 a Como.

La sera del 25 aprile 1945 quando Mussolini lascia Palazzo Monforte, è come al solito suo compito scortarlo in accordo con il Segretario Particolare Luigi Gatti, l’Alfa Romeo del quale guida da Menaggio (CO) e si ritrova tra gli assassinati di Dongo (CO), alle 17,40 del 28 aprile.

Escluse le donne, sono 31 i componenti della colonna diretta in Valtellina che si consegnano a don Enea Mainetti, parroco di Musso (CO). Tra essi i 14 poi scelti per la “giustizia” comunista. I Caduti dell’autoblinda sono il Maresciallo della 36ª B. N. di Lucca Giulio Taiti e il Brigadiere della Polizia Repubblicana, già internato in Germania, Aldo Gasperini Non vengono uccisi il guardaspalle di Luigi Gatti l’italo-spagnolo Antonio Broccoli, l’attendente di Mussolini e Guardia della Polizia Repubblicana Pietro Carradori, il barbiere Otello Montermini , due agenti speciali Saro Boccadifuoco (alias Giuseppe Marcucci) e Virgilio Pallottelli, pilota già prigioniero in A.S. incautamente paracadutato al Nord come spia britannica, il Maggiore Teresio Beltrami, Segretario del Ministro Liverani, e il Sottotenente GNR Erminio Barsotti, oltre i due autisti Filippo Freghi e Cesare Mariani.

Non compreso negli allineati da mitragliare al muretto del Porticciolo lacuale, il falso Console di Spagna a Milano Juan Munez y Castello (Marcello Petacci) lotta per evitare la morte e si divincola gettandosi nelle acque del Lario, ma è colpito da insistenti raffiche di mitra a pelo d’acqua (incolume la convivente Zita Ritossa con i due figli Benvenuto e Ferdinando).