Strumenti personali

Eventi

  • 5 per mille

    1 gennaio 2018



    Codice Fiscale FONDAZIONE DELLA RSI - ISTITUTO STORICO

    CF:91229450373

    Sul sito dell'agenzia delle entrate è disponibile l'elenco 2017 degli enti fruitori del 5 per mille.


  • Riunione Culturale

    25 novembre 2018

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Carlo e Giorgio Viale
    La difesa di Genova 1943-45, seconda parte
  • Riunione Culturale

    24 febbraio 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Daniele Trabucco
    La RSI nel contesto internazionale
  • Assemblea dei Soci Aderenti

    14 aprile 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Alessandro Brignole
    Attentati Gappisti a Milano

Luigi Gatti

Da FondazioneRSI.

Luigi Gatti nasce a Milano il 18 luglio 1913, Combatte con il CVT - Corpo Truppe Volontarie in Spagna, dove il 10 marzo 1939 sposa Moras Maria del Pilar, nata l’8 giugno 1917. Il CTV ebbe i 2/3 della Truppa di provenienza MVSN, ma Ufficiali in prevalenza dell’Esercito. Si aggiunsero Reparti regolari di Aeronautica e di Marina. All’inizio, in abito civile, i Volontari furono aviotrasportati in Marocco e sull’isola di Maiorca. Dal 22 dicembre 1936, con Nave Lombardia, e il 15 gennaio 1937, con Nave Sardegna, ne sbarcarono a Cadice oltre 10 mila a Reparti completi, con armi, in uniforme kaki ma non con insegne dell’Esercito italiano e vinsero la prima battaglia, a Malaga. In 35 mila furono impegnati dall’8 marzo 1937 nella sanguinosa battaglia di Guadalajara: dopo venti giorni di mancate avanzate fu considerata una sconfitta. Comandanti del CTV furono: Mario Roatta e dall’1 aprile 1937 Ettore Bastico, dal 27 agosto Mario Berti e dall’1 ottobre 1938 Gastone Gambara. Quasi 14 mila le perdite, compresi i feriti. La data ufficiale del rimpatrio fu l’1 giugno 1939.

Dal 1939 avvicenda Francesco Catto quale Segretario PNF di Nuoro. Nel 1941 è comandato per incarichi speciali e dal 1942 è Segretario del PNF a Treviso, in sostituzione di Umberto Bianchi.

Nominato Prefetto di 2ª Classe nel Consiglio dei Ministri del 28 ottobre 1943, dal 5 novembre è Capo Provincia di Treviso fino alla sostituzione del 22 giugno da parte di Francesco Bellini. Il Consiglio dei Ministri del 18 aprile lo aveva collocato a disposizione del Ministero per l’Interno.

Dal successivo 20 luglio è alle dipendenze del Ministero per l’Estero, ma il 2 aprile 1945 cessa da questo comando per passare sotto la Presidenza del Consiglio dei Ministri cnel ruolo di Segretario Particolare del Duce, incarico già svolto in modo interinale dal 23 giugno 1944. In uniforme di Tenente della GNR accompagna Mussolini in ogni pubblica attività.

È uno degli organizzatori del possibile trasferimento, predisposto dal Sottosegretario ANR Ruggero Bonomi, del Capo della RSI in territorio spagnolo, mediante un volo in partenza dall’aeroporto bresciano di Ghedi. e con eventuale rifugio presso i suoceri Moraes del Pilar. La moglie Maria del Pilar Moras Vicente (a 94 anni morta a Madrid il 15.5.2011) con i tre figli Alfredo di 5 anni e Umberto di 4 anni, nati a Roma, e Matilde di 2 anni, nata a Treviso, sono in un Convento milanese. Un trimotore S.M. 81 con insegne croate ed equipaggio dell’Aeroclub di Ghedi atterra a Barcellona il 22 aprile 1945 con a bordo alcuni componenti della famiglia Petacci e qualche Diplomatico. Fughe all’estero mai hanno interessato Mussolini e quindi anche questa comoda opportunità non è stata presa in considerazione.

Dopo Menaggio (CO), dall’alba del 27 aprile 1945, percorre con una Alfa scoperta la strada Regina dietro l’autoblinda che ha a bordo Mussolini, Bombacci, Barracu, Pavolini, Casalinuovo. Utimperghe, oltre Elena Curti . Si dimostra uno dei protagonisti, anche moralmente meno disarmato, sia quando l’incolonnamento con i tedeschi, lungo 1 Km., appare una sicurezza sia quando si rivela una trappola. Tanto che, subito respinto, è pronto ad offrirsi per accompagnare Mussolini travestito da tedesco e in Piazza del Municipio a Dongo (CO) ad appoggiare le estreme proteste di Calistri, nei momenti che precedono il barbaro eccidio comunista che tronca, a neppur 32 anni, anche la sua esistenza interamente dedita all'amor di Patria.