Strumenti personali

Eventi

  • 5 per mille

    1 gennaio 2018



    Codice Fiscale FONDAZIONE DELLA RSI - ISTITUTO STORICO

    CF:91229450373

    Sul sito dell'agenzia delle entrate è disponibile l'elenco 2017 degli enti fruitori del 5 per mille.


  • Riunione Culturale

    25 novembre 2018

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Carlo e Giorgio Viale
    La difesa di Genova 1943-45, seconda parte
  • Riunione Culturale

    24 febbraio 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Daniele Trabucco
    La RSI nel contesto internazionale
  • Assemblea dei Soci Aderenti

    14 aprile 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Alessandro Brignole
    Attentati Gappisti a Milano

Edoardo Carlo Moroni

Da FondazioneRSI.

Edoardo Carlo Moroni nasce a Cordoba in Argentina il 13 ottobre 1902. Partecipa alla “marcia su Roma” . Fonda i Sindacati agricoli della Lucchesia e, a Roma, è Presidente della Federazione Italiana dei Consorzi Agrari. Membro della Giunta esecutiva della Confederazione Fascista degli Agricoltori, dal 1939 è Consigliere Nazionale della Camera dei Fasci delle Corporazioni.

Il 23 settembre 1943 accetta la nomina a Ministro dell’Agricoltura e delle Foreste, Ministero che dal 19 gennaio 1945 diviene della Produzione Agricola e Forestale. La sede del Ministero, dopo il terroristico bombardamento del 7 aprile 1944 del centro storico di Treviso, che provoca almeno 1460 vittime, viene spostata da Treviso a San Pellegrino Terme (BG).

Nella seduta del Consiglio dei Ministri della RSI del 9 dicembre 1944 relaziona più puntualmente di ogni altro Ministro sull’attività svolta. Nell’anno la complessiva produzione di cereali, in milioni di quintali, è di 44,5. Suddivisa in 30 ,3 per il grano (la stessa del 1943) e 16,2 per il granturco (aumento del 10% sul 1943 ) e ambedue le quote, pur in mancanza di fertilizzanti, quasi come nel 1939, “anno di felice raccolto in tempi normali”. Mentre per il risone la produzione è di 5,2 milioni di quintali (diminuzione del 22% sul 1943 per deficienza di mano d’opera). Per il grano l'evasione dall'ammasso è di 2 milioni di quintali (meno del 7 %). Invece nella seduta del 18 gennaio 1945 viene autorizzato, per l'esercizio finanziario 1944-1945, una spesa di 225 milioni di Lire per l' UNSA-Ufficio Nazionale per i Servizi dell'Agricoltura, che riordina e assorbe Enti economici e relativi Uffici periferici del Ministero dell'Agricoltura.

Nel dettaglio le razioni del momento (200 grammi/giorno per il pane e 3 Kg./mese per i generi da minestra) corrispondono a 112 Kg /annui di grano, ne sono stati autorizzati 120 Kg . per i quasi 19 milioni di residenti nell’ Italia settentrionale. Razioni annue che molti Capi Provincia hanno elevato a 150 Kg,, con eccezioni a 200 Kg. nei territori di Bologna e di Provincie viciniore e talvolta con approvvigionamento prolungato. I produttori, per parte loro, trattengono 200 Kg/annui per ogni componente del nucleo familiare, diritto che per i produttori non coltivatori, ossia i proprietari di fondi a mezzadria, scende a 150 Kg/annui. Inoltre 6,6 milioni di persone fruiscono del supplemento di 75 grammi di pane, con un superconsumo annuale di 700 mila quintali di grano e che i partecipanti alle mense aziendali, dal 1943 al 1944 più che raddoppiati, gravano per 200 mila quintali di grano, avendo diritto ad un extratessera mensile di 1,5 Kg. Per gli altri principali alimenti (carne, formaggio, grassi, latte, zucchero), stante l’assorbimento del 40% da parte delle Forze Armate, il possibile aumento delle razioni dipende da più forti conferimenti all’ammasso.

E’ contrario, insieme a Mezzasoma e Tarchi, al trasferimento nell’ottobre 1944 dei familiari dei Ministri in Svizzera, che poi vanno a Zuers in Austria. Alcuni rimpatriano a metà gennaio 1945.

Nel dopoguerra si rifugia a Luino, Livorno e Roma. Processato in contumacia e assolto nel 1946 può espatriare con la famiglia, compreso il figlio Giorgio, Sottotenente della GNR alla Scuola AA.UU. “Vicenza - Tonezza” , da luglio 1944 Istruttore al Battaglione AA.UU GNR “Orvieto” e infine con la colonna GNR di Torino che si arrende a Strambino Romano (AO) il 5 maggio 1945.

Emigra con i familiari in Brasile. Poi va in Argentina perché assunto, in qualità di consulente nel settore agricolo, sia dal Presidente Juan Domingo Peron che dai successivi Governi militari.

Muore per malattia il 5 febbraio 1975 a Buenos Aires, dove é sepolto.