Strumenti personali

Eventi

  • 5 per mille

    1 gennaio 2018



    Codice Fiscale FONDAZIONE DELLA RSI - ISTITUTO STORICO

    CF:91229450373

    Sul sito dell'agenzia delle entrate è disponibile l'elenco 2017 degli enti fruitori del 5 per mille.


  • Riunione Culturale

    25 novembre 2018

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Carlo e Giorgio Viale
    La difesa di Genova 1943-45, seconda parte
  • Riunione Culturale

    24 febbraio 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Daniele Trabucco
    La RSI nel contesto internazionale
  • Assemblea dei Soci Aderenti

    14 aprile 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Alessandro Brignole
    Attentati Gappisti a Milano

Antonio Diomede Legnani

Da FondazioneRSI.

Nasce ad Asti il 28 gennaio 1888 e durante un viaggio di servizio al Q.G di Gargnano (BS) muore il 20 ottobre 1943 sulla Statale n.11 Vicenza-Verona in conseguenza d'una imboscata all'auto (resta ferito il Capitano di Vascello Ferruccio Ferrini, Segretario Generale del Ministero).

Pluridecorato fin dalla 1.Guerra Mondiale, sarà un Ammiraglio di Squadra punito dai regi insieme al precedente Comandante in Capo dei sommergibili Ammiraglio di Squadra Mario Falangola e all'Ammiraglio Giovanni Galati.

Comandante dell' 8. Divisione Incrociatori che il 9 luglio 1940 partecipa all'azione di Punta Stilo (Golfo di Squillace in Calabria) e Comandante in Capo della Squadra Sommergibili dal 2 agosto 1941 al 25 luglio 1943. il 23 settembre 1943 entra a far parte del Governo repubblicano e ha incarico di Sottosegretario e di Capo di S.M. della Marina Repubblicana, con sedi a Belluno e a Vicenza (i successori avranno sede a Montecchio Maggiore). L'Ammiraglio Falangola (in RSI, fino al termine della guerra, è Presidente del Consiglio Superiore della Marina) il 30 settembre 1943 aveva ricevuto le consegne del Ministero Marina dal Segretario Generale Ammiraglio di Divisione Emilio Ferreri, Commissario della “Città aperta Roma”, poi trasmesse ai generali Chieli e Chirieleison.

Il figlio Emilio è M. d’ O. per aver affondato il 3 agosto 1942 al largo della Crimea un incrociatore con il MAS 568, agli ordini della M. d' O. Curzio Castagnacci, operante con la IV Flottiglia MAS.

Con sede e Stato Maggiore a Belluno e con Capo di Gabinetto Mario Leoni, per aggirare l’iniziale ostilità tedesca a nuovi Comandi italiani per combattimenti in mare, istituisce a Genova e Venezia Comandi Servizi Marina premessa dei Comandi operativi del 1944. Questi ultimi Comandi della Marina Repubblicana diverranno comprensivi dei Reparti naviganti (la cosiddetta “Marina nera”) e dei Reparti naviganti della X Flottiglia MAS. I Reparti di Fanteria di Marina manterranno Comandi autonomi che da metà 1944 vengono radunati nella Divisione “Decima”.