Strumenti personali

Eventi

  • 5 per mille

    1 gennaio 2019



    Codice Fiscale FONDAZIONE DELLA RSI - ISTITUTO STORICO

    CF:91229450373

    Sul sito dell'agenzia delle entrate è disponibile l'elenco 2018 degli enti fruitori del 5 per mille.
  • Riunione Culturale

    24 novembre 2019

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Nicolò Girolimetto
    Uccio De Santis
    Alessandro Maria Raffone

    Napoli
  • Riunione Culturale

    23 febbraio 2020

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

    Gianfranco Stella

    Compagno Mitra
  • Assemblea dei Soci Aderenti

    12 aprile 2020

    Via Cicogna, 66, Terranuova Bracciolini, AR, Italia

Alfonso Ollearo

Da FondazioneRSI.

Alfonso Ollearo, dedicatosi alla carriera militare per tradizione di famiglia nel 1934 è Colonnello Comandante del 5.Reggimento Artiglieria. La sua prima decorazione è una Medaglia d'Argento al V.M. nel 1918 a Ridotta Tolmezzo con il 1.Raggruppamento Artiglieria da Montagna Speciale.

Combatte sul Fronte francese al comando della 2. Divisione da montagna Sforzesca del 4.Corpo d'Armata (Camillo Mercalli) appartenente alla 4. Armata (Alfredo Guzzoni) con il difficile compito di attaccare il 21 giugno 1940 i forti Janus e Gondran sulla strada per Briannçon che il dominante Chaberton (3136 m), fornito di carte dello S.M. non aggiornate sui forti in attività, tra le nebbie riesce a colpire nelle tre ore di tiro incrociato soltanto il forte Janus, mentre è quasi distrutto dal tiro del forte Gondran. Nel 1941 viene insignito di quello che oggi è l'Ordine Militare d'Italia.

Comandante dal 29 ottobre 1942,con sede ad Hyeres presso Tolone del XXII Corpo d'Armata, inquadrato nella 4.Armata (Mario Vercellino) che dopo l'8 settembre ripiega nel cuneense con i Corpi d'Armata costieri (il I e il XV) e si sfascia con molte adesioni all'antifascismo.

Con il grado di Generale di Corpo d'Armata, è tra i trecento Ufficiali Generali che aderiscono alla RSI.

Dal 31 dicembre 1943 al 25 giugno 1944 è Sottosegretario dell'Esercito Repubblicano ed è l'organizzatore della sede, trasferita da Roma a fine 1943, del Sottosegretariato ad Asolo (TV) con il Capo di Gabinetto Colonnello Vittorio Nebbia. Nel dopoguerra subisce persecuzioni resistenziali.

Nato a San Salvatore Monferrato (AL) il 16 dicembre 1885, muore ad Alessandria il 28 novembre 1957.